da L’Arena martedì 24 febbraio 2015 –  Cronaca pag. 19 – di Manuela Trevisani

Tra i protagonisti Sofia Righetti, campionessa paralimpica di sci alpino, e Andrea Battistoni enfant prodige della musica

Il muro non come ostacolo, ma come opportunità creativa. La seconda edizione di TEDxVerona, in programma il primo marzo in Gran Guardia, guarda «Beyond the Wall», oltre il muro: cerca, cioé, di dare stimoli alla città, portando nuove idee e contenuti, trasmettendo entusiasmo e creando relazioni. In questa direzione è andata anche la scelta dei dodici speaker che saliranno sul palco di TEDxVerona, iniziativa che si rifà alle conferenze Ted lanciate negli anni Ottanta in California. «Abbiamo individuato relatori che sono stati in grado di superare ostacoli nella scienza e nella tecnologia, ma anche nella vita e nella carriera professionale e che potranno essere d’ispirazione per il pubblico», spiega Desirée Zucchi, responsabile per la selezione degli speaker.

Talenti, veronesi e non, che si sono contraddistinti in diversi ambiti. Basti pensare a Francesco Fatone, professore associato di Processi e impianti chimici all’università di Verona, coordinatore a livello internazionale di gruppi di ricerca sul tema del recupero di biorisorse dalle acque reflue. O a Sergio Canavero, neurochirurgo torinese, inventore della stimolazione extradurale corticale per il morbo di Parkinson, gli stati vegetativi e la riabilitazione dall’ictus. Vincenzo Palermo, responsabile del Laboratorio di Nanochimica dell’Istituto Isof del Cnr di Bologna, racconterà i suoi giochi di prestigio con atomi e molecole e spiegherà il suo progetto sul graphene, considerato il materiale del futuro. Grande attesa anche per Luca Prasso, pioniere dell’animazione digitale e supervisor per la preparazione del software che anima i personaggi dei film, tra cui Shreck, Madagascar, Kung Fu Panda e Z la Formica.

Dalla tecnologia all’economia al business. Sul palco saliranno Sebastiano Scrofina, esperto di monete matematiche, Gabor George Burt, guru ungherese delle strategie d’impresa e motivatore, e la veronese Carla Cico, la prima donna amministratore delegato in un’azienda di Telecomunicazioni in America Latina, collocata nel 2005 da Forbes al 32esimo posto tra le cento donne più influenti del mondo.

Avranno molto da raccontare sulla propria carriera professionale e vita personale anche i due veronesi Andrea Battistoni, enfant prodige della musica classica, e Sofia Righetti, recentemente diventata campionessa paralimpica di sci alpino, ma anche il fotografo di fama internazionale David Alan Harvey e la presidente del Coordinamento nazionale antimafia Adriana Musella. Tra le eccellenze veronesi anche Alessia De Biase, che ha saputo unire le sue due passioni per l’architettura e l’antropologia, diventando la direttrice del Laboratoire Architecture Anthropologie (Lavue) di Parigi.

«TEDxVerona è alla sua seconda edizione, che nei numeri è quasi triplicata rispetto alla prima», spiega il presidente dell’associazione TEDxVerona Francesco Magagnino. «L’idea è dar vita a un appuntamento fisso annuale con l’innovazione per permettere alle persone di incontrarsi e creare una community che contribuisca a costruire futuro e dare visione alla nostra città».

Per la prima volta sarà possibile seguire Tedx anche in modalità 3.0: SocialMeter by Maxfone, partner tecnico della manifestazione, ha realizzato un’iniziativa con L’Arena: sulla pagina online del giornale www.larena.it sarà visibile l’osservatorio live che SocialMeter ha attivato per monitorare il parlato relativo all’edizione veronese del TEDx.