Business Banner or Header

 

 

 

 

Comunicare oggi significa anche usare le piattaforme online che, si sa, sono il mondo dei nativi digitali, i ragazzi della nuova generazione nati e cresciuti nel mezzo delle dinamiche dell’interattività della rete, e abituati fin da piccoli ai ritmi e agli schemi di un fenomeno ormai capillare, quello dei social media.

Con la rivoluzione digitale, i meno tecnologici si sono trovati immersi all’improvviso in un mondo con schemi comunicativi diversi e per certi versi estranei, e hanno messo in atto processi di adattamento e di apprendimento, fino a diventare pian piano in molti casi anch’essi provetti utenti della rete. Nonostante ciò, ad oggi, ancora molti individui e realtà aziendali scelgono di non avere nulla a che fare con la nuova realtà digitale. A livello aziendale, coloro che invece scelgono di investire nella rete e nell’innovazione necessitano senza ombra di dubbio di una formazione e di una consulenza adeguata, capace di guidare l’azienda in un percorso di apprendimento delle dinamiche dei social media. La consulenza può prevedere un’ampia gamma di servizi: da strategie di posizionamento SEO, al social media marketing e al media planning…Il fulcro rimane il saper comprendere i funzionamenti della rete e soprattutto conoscere il tipo di utente con cui ci interfacciamo, le sue abitudini di navigazione, il suo gradimento dei contenuti e il grado di interattività. Come?

Gli strumenti di monitoraggio sono una buona base di partenza, poiché permettono l’ascolto del parlato e il rilevamento di trend, preferenze, argomenti più in voga, nonché l’individuazione di segmenti di utenti più interessati a un determinato brand. Grazie a queste informazioni è possibile ad esempio decidere in modo strategico il tipo di post più efficace, o l’orario in cui probabilmente otterrò più visualizzazioni, o ancora l’hashtag più in voga e quindi quello grazie al quale presumo di avere più condivisioni.

Consulenza significa quindi affrontare la comunicazione social con un progetto strutturato alle spalle e uno studio che sia stato capace di identificare i social network più pertinenti al vostro brand, di capire come integrare la social media strategy alle forme tradizionali di comunicazione, di come aumentare il traffico sul vostro sito web, accrescere la brand awareness e perché no, anche le vendite.

Un supporto utile per imprese già in piedi ma anche e forse soprattutto per le start-up, che necessitano più di altre di un giusto calcio d’inizio per entrare nel mercato in modo competitivo e con i giusti strumenti a disposizione.

Una comunicazione sbagliata può essere deleteria per la visibilità e reputazione online…una comunicazione efficiente è la chiave per il successo!